lunedì 21 marzo 2016, l’Assemblea Generale dello SPI CGIL di Siena, preso in esame il testo della riforma costituzionale promossa dal Governo ed approvata a maggioranza semplice da entrambi i rami del Parlamento, dopo ampia ed approfondita discussione ha approvato, con un solo voto di astensione, l’ordine del giorno di cui qui di seguito si pubblica il testo integrale.

SPI CGIL SIENA

L’Assemblea Generale dello SPI CGIL di Siena, riunita in data 21 marzo 2016 presso il circolo ARCI di Fontebecci, si riconosce nella Costituzione nata dalla Resistenza, nei suoi principi fondamentali, nei valori che afferma e nella centralità che assegna al lavoro.

Tutto ciò costituisce un patrimonio che la CGIL difende da sempre.

La proposta riforma del Senato però altera in maniera profonda il sistema

istituzionale oggi in essere, assegnando alla sola Camera dei Deputati, eletta con “l’italicum” che assegna 340 seggi su 630 a chi ottiene il 40% dei voti o vince il ballottaggio, il potere legislativo ed aumenta a dismisura il potere dei partiti e del Governo.

Il tutto senza gli adeguati e necessari bilanciamenti tra i poteri, elementi indispensabili e presenti in tutte le costituzioni del mondo occidentale, perché ci si trovi in presenza di una reale democrazia.

Per questo l’Assemblea Generale chiede a tutta l’organizzazione di attivarsi al fine di favorire una grande campagna di informazione e orientamento sul tema del referendum confirmativo che si terrà nell’autunno prossimo.

L’Assemblea Generale dello SPI CGIL di Siena, di fronte alla riforma costituzionale chiama i propri militanti e tutti i cittadini ad un impegno straordinario a sostegno della Costituzione ed invita tutti i pensionati, iscritti e non, a recarsi alle urne in occasione del referendum, per garantire con il proprio voto la difesa dell’integrità della Carta Costituzionale.