Ok della Cgil alla proposta di osservatorio sul fascismo e alle denunce nei confronti di chi ne fa apologia. Il una nota il sindacato afferma di condividere la linea intrapresa in questo senso dal presidente della Regione Toscana Enrico Rossi. “Stiamo assistendo in Toscana ad una inaccettabile ed intollerabile presenza ed iniziativa di forze e movimenti dichiaratamente fascisti, razzisti

e xenofobi. Molte – afferma la Cgil Toscana in una nota – sono state le manifestazioni ed i rigurgiti degli estimatori del Ventennio: le forze politiche e sindacali, le associazioni, le istituzioni devono condannare con nettezza e durezza. Occorre far rispettare il dettato costituzionale e le leggi che vietano l’apologia del fascismo e l’istigazione all’odio razziale. Bene ha fatto la Regione Toscana a dare mandato ai propri legali di denunciare fatti e parole che si configurano come reati. Condividiamo la proposta del Presidente della Regione di costituire un Osservatorio sul fascismo e ci dichiariamo da subito disponibili ad un impegno diretto”. “La difesa della libertà e della democrazia – conclude la Cgil – parte dal miglioramento delle condizioni materiali del mondo del lavoro e degli strati popolari, come la Storia ci insegna; ed è il miglior antidoto alle pulsioni autoritarie e liberticide”.(ANSA).