Un gruppo di pensionati provenienti dalle zone colpite dal terremoto è stato ospitato dal Sindacato

La Lega SPI CGIL Amiata Val d’Orcia e lo SPI CGIL di Siena hanno offerto ospitalità per una settimana ad un gruppo di pensionati provenienti da Norcia e dalla Valnerina, colpite dal terremoto, che stanno vivendo situazioni difficili e di precarietà non avendo più né la loro casa né punti di riferimento.

La nostra azione, che si è configurata come un gesto di effettiva solidarietà nei confronti di chi

soffre ed ha sofferto, – spiega il Segretario provinciale del Sindacato Pensionati Franco Capaccioli – ha mirato a coinvolgere l’intera comunità e le associazioni ed istituzioni presenti sul nostro territorio. Con il supporto di queste e l’aiuto dei nostri pensionati abbiamo organizzato ‘le giornate del soggiorno’, per far conoscere la nostra realtà nelle sue innumerevoli sfaccettature”.

Ad Abbadia San Salvatore gli ospiti hanno visitato il centro storico ed il Museo Minerario; presso il Teatro Servadio hanno incontrato la popolazione, per poi effettuare un’escursione in montagna.

Dopo una visita in Val d’Orcia, è stata la volta di Siena: i pensionati si sono recati al Museo Civico ed al Santa Maria della Scala.

Particolarmente commovente è stata la visita della mostra “La bellezza ferita. Norcia, Earth Heart Art Quake. La speranza rinasce dai capolavori della città di San Benedetto”. A seguito del sisma che nell’ottobre 2016 ha colpito Norcia e il territorio circostante, alcune delle opere d’arte del territorio messe in sicurezza e ricoverate nei depositi vengono mostrate al pubblico per raccontare la “ferita” subita dal patrimonio culturale della zona di Norcia; i capolavori ospitati dalla città di Siena sono protetti all’interno della “Cripta” sotto il Duomo e nel percorso del Santa Maria della Scala e sono accompagnati da una serie di video e materiali fotografici che permettono la visione delle fasi di recupero delle opere dopo il terremoto. Il progetto ha naturalmente emozionato ed impressionato il gruppo dei pensionati, che hanno ringraziato Siena ed i senesi della loro sensibilità.

Il soggiorno offerto dallo SPI CGIL è proseguito in Amiata con una cena di solidarietà presso il Club 71 preparata dai volontari della Protezione civile. Il giorno seguente, sempre ad Abbadia San Salvatore, si è svolto il mercatino dell’Auser e la giornata si è conclusa alle 21 con una serata ricreativa.

Ieri, domenica, i terremotati sono rientrati nei loro luoghi di provenienza con la certezza che nella loro difficile lotta per il ritorno alla normalità potranno contare sui nuovi amici dello SPI senese ed amiatino.

la visita a Siena