Invece di affrontare seriamente il tema fiscale, garantendo maggiore
equità e progressività, si prosegue con un’idea che non riequilibra le
disuguaglianze fiscali. La flat tax è la negazione della progressività
e della redistribuzione”. Così, in una nota, la vicesegretaria
generale della Cgil Gianna Fracassi.

Se si vuole intervenire davvero – prosegue – si parta dal lavoro
dipendente e dai pensionati aumentando le detrazioni fiscali. È
evidente che chi avanza tali proposte ritiene che debbano essere
lavoratori e pensionati a pagare ancora il prezzo di un sistema
fiscale che sta determinando profonde disuguaglianze e ingiustizie”.
“Il principio è semplice – ricorda in conclusione Fracassi – chi ha di
più paghi di più, e chi non ha mai pagato inizi a farlo. Serve quindi
una seria lotta all’evasione e un’imposta contro le disuguaglianze
fiscali. Non è possibile che ogni volta che si apre una discussione
sul fisco non vengano affrontati questi temi prioritari”.