Siamo in piazza oggi, per chiedere di pagare meno tasse e di avere una rivalutazione giusta per i pensionati. Chiediamo anche una risposta di flessibilità equa per i lavoratori, affinché possano andare in pensione”“Al Governo chiediamo di cambiare politica e di investire sullo sviluppo e sull’occupazione per le nuove generazioni. Chiediamo, soprattutto, che gli anziani siano trattati meglio e non come un bancomat”“Il governo risponda a questa piazza, ai tanti anziani che hanno creduto nel cambiamento, perché è un idillio che sta finendo. Se non ci saranno

risposte certe, questo sarà solo l’inizio della mobilitazione che proseguirà, se sarà necessario fino allo sciopero generale”.

Così Ivan Pedretti, segretario generale dello Spi Cgil, che ha chiuso dal palco di Piazza del Popolo a Roma la grande manifestazione unitaria dei pensionati, che ha visto ieri la partecipazione di almeno 60 mila persone giunte nella capitale da ogni parte d’Italia.
Non è stata una scampagnata, ma per i diritti e correggere politiche sbagliate vale ancora la pena di lottare. Questa volta dal Governo non si è detto “ce ne faremo una ragione” e Poletti ha convocato CGIL CISL e UIL per il 24 maggio.

19 maggio 1 19 maggio 2

 

19 maggio 3
 19 maggio 4  19 maggio 5  19 maggio 6