Comune di Trequanda: accordo con CGIL, CISL e UIL sul bilancio preventivo 2019

Trequanda, 21 febbraio 2019 – Ieri 20 febbraio, presso il Municipio del Comune di Trequanda, alla presenza del Sindaco Roberto Machetti, è stato sottoscritto il verbale di accordo tra l’Amministrazione e CGIL, CISL e UIL sul bilancio preventivo 2019.

Nel testo si ribadisce la riduzione del 30% dell’imposta TARI per le famiglie con reddito ISEE fino a 15.000 €e l’esenzione dell’addizionale comunale IRPEF per i redditi da lavoro dipendente e da pensione sino a 9.000 €.

E’ stato inoltre concordato di non variare le imposte locali (IMU, addizionale IRPEF e TASI).

La significativa novità è l’applicazione delle tariffe per la mensa ed il trasporto scolastico secondo 5 fasce di reddito ISEE:

fascia reddito ISEE

costo mensa

costo trasporto trimestrale

sino a 8.500

3,00

50,00

sino a 17.000

4,00

65,00

sino a 25.000

4,50

85,00

sino a 32.000

5,00

100,00

oltre  32.000

5,50

110,00

In tal modo si darà una mano alle famiglie con redditi più bassi.

Per le problematiche socio sanitarie le parti hanno condiviso l’importanza che anche a Sinalunga venga attivata la casa della salute, concentrando i medici di famiglia nell’attuale distretto in maniera da poter dare inizio alla medicina di iniziativa rivolta principalmente a coloro che sono affetti da patologie croniche e non solo.

Un paragrafo specifico dell’accordo si concentra sull’esigenza di coinvolgere il comprensivo scolastico per un’attività di informazione sui corretti stili di vita nella scuola primaria, ad iniziare dalla prevenzione odontoiatrica.

Ultimo capitolo viene destinato alla lotta al disagio e alla solitudine, che rendono spesso difficile la vita di tante persone. Le azioni per combattere questi problemi sono indicate nel coinvolgimento delle associazioni di volontariato per contrastare la cultura dell’esclusione attraverso iniziative nei confronti della popolazione più anziana per un invecchiamento attivo.

Le parti si sono date reciproco impegno a confrontarsi entro il prossimo mese di settembre per valutare insieme il riscontro delle nuove tariffe dei servizi scolastici, allo scopo di trovare il giusto equilibrio tra equità delle compartecipazioni e la sostenibilità dei costi.