Ad oggi l’Obis M non è ancora disponibile

COMUNICATO STAMPA

Ad oggi l’INPS non ha reso disponibile per i pensionati INPS il modello OBis M per l’anno 2019.

L’Obis M non è altro che la carta d’identità delle pensioni INPS, da questo documento è possibile rilevare l’importo della pensione in pagamento per l’anno in corso con le relative trattenute fiscali, ècome se fosse la busta paga del pensionato.

Da qualche anno a questa parte il modello in questione non viene più inviato al domicilio dei pensionati, ma questi devono reperirlo in via informatica scaricandolo dal sito web dell’Istituto oppure recarsi presso gli sportelli dell’Istituto, in quanto l’Inps “nel rivedere” la spesa “ovviamente” ha tagliato servizi rivolti a pensionati e pensionate.

Il Sindacato Pensionati SPI CGIL, per ovviare a questa mancanza dell’Istituto, si è reso disponibile a fornire un servizio gratuito ai propri iscritti, ovviamente quando questa documentazione sarà resa fruibile dall’INPS.

“La decisione unilaterale di non inviare più a domicilio né la CU né il modello Obis M – spiega lo SPI CGIL di Siena – provoca gravi disagi e rappresenta un’ulteriore imposizione burocratica: l’INPS scarica sulle spalle di pensionati e pensionate compiti che sono propri dell’Istituto e dei quali deve farsi carico direttamente!”.

“E’ inaccettabile che si assumano scelte con metodi unilaterali – conclude il sindacato – che penalizzano sempre i più deboli, chi ha più problemi o chi sta peggio: non basta che crolli il potere d’acquisto delle pensioni, non bastano i tagli alla sanità e ai servizi socio-sanitari, non basta che i pensionati siano diventati un ammortizzatore sociale a sostegno di chi perde o non trova lavoro e costituiscano un pezzo essenziale di un sistema di welfare falcidiato dai tagli, ora viene loro negato perfino il diritto ad una corretta ed accessibile informazione sulla propria pensione!”.