CESSAZIONE DEL MEDICO DI FAMIGLIA: DIFFICOLTA’ PER LE PERSONE ANZIANE

CESSAZIONE DEL MEDICO DI FAMIGLIA: DIFFICOLTA’ PER LE PERSONE ANZIANE

Lo SPI CGIL chiede la modifica del procedimento

Siena, 2 dicembre 2020 – La fine del mese di novembre ha coinciso con la cessazione dell’attività di tanti medici di medicina generale operanti nella nostra ASL, il che ha significato per gli ex assistiti l’obbligo di dover effettuare una nuova scelta tra i professionisti disponibili nell’ambito territoriale.

Soltanto il 20 novembre scorso la ASL ha sentito il dovere di avvisare della imminente cessazione dei medici attraverso un mero comunicato stampa. Questo criticabile metodo di informazione verso la popolazione ha accresciuto il calvario degli assistiti che spesso non erano a conoscenza della conclusione dell’attività. Inoltre, causa la pandemia e che telefonando al numero indicato non risponde nessuno, l’unico sistema di confronto con la ASL è quello della telematica, dimenticandosi del fatto che tanti, specialmente coloro in età avanzata, non sono in possesso di tali sistemi e si può concretizzare il rischio di trovarsi senza una assistenza medica.

Questa situazione non è accettabile in un paese civile! Siamo stati testimoni di persone anziane in piena crisi di angoscia non sapendo a chi e dove rivolgersi per risolvere la propria condizione. Da parte della ASL deve essere trovata una procedura del passaggio da un medico all’altro che tenga in maggior conto il diritto costituzionale alla tutela della salute in capo ad ogni italiano.

Migliaia di cittadini obbligati a percorrere i meandri del labirinto burocratico previsto dalla procedura in essere con oneri in capo al solo “assistito” da svolgere in tempi rapidissimi, pena l’eventuale carenza di assistenza medica, e che in caso di email richiede tra l’altro l’invio di documentazione spesso già in possesso dell’istituzione sanitaria.

Prossimamente, nel giro di pochi anni, saranno molti i medici che cesseranno la convenzione con il servizio sanitario ed è urgente evitare per il futuro il caos che si è originato in questi giorni a Montalcino, tale che è stato necessario l’intervento dell’Amministrazione Comunale e dove il Sindacato Pensionati SPI CGIL si è messo a disposizione per aiutare quanti avessero bisogno di informazioni e delucidazioni per il cambio del medico.

Lo SPI CGIL di Siena si farà parte attiva per chiedere alle autorità competenti la modifica del procedimento attuale ricercando una soluzione che non obblighi il cittadino ad inutili difficoltà e preoccupazioni.

SPI CGIL Siena